Home

Caro Inverno,
perché sei andato via.
Mi hai lasciata sola
svestita e senza protezioni.
Quando non credi più in te
è difficile fare qualsiasi cosa:
seminare in un campo maturo,
per ricevere il seme,
è più difficile che attendere in un campo pieno di neve,
che riposa di un sonno leggero
mentre l’aria bianca si posa.

Caro Inverno,
mi sei mancato.
Io (non) ho dormito un sonno leggero
tra la speranza e la frustrazione
tra il sogno e la testardaggine
non ho calpestato la tua erba ghiacciata
La pioggia turchese si è posata lontana
dalle mie mani
e il freddo del tuo amore
non ha arrossato le mie gote.
Vento sprezzante di vita
torna a soffocare il villaggio,
copri d’attesa l’incolore tormento
dei suoi abitanti.

Annunci

Puoi lasciare qui un commento, grazie

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...