Home

A. HOROWITZ, Come pensa il tuo cane. Tutti i segreti del migliore amico dell’uomo. Titolo originale: “Inside a dog.” Traduzione di Teresa Albanese e Maurizio Barocci.
Come il cane percepisce il mondo che lo circonda? A questa domanda cerca di rispondere Alexandra Horowitz. Nel suo saggio affianca simpatici e a volte commoventi aneddoti sulla sua cagnetta, Pumpernickel, al punto di vista scientifico, al fine di aiutare il lettore nella comprensione dell’Umwelt canino, l’universo soggettivo del cane. Ogni animale infatti, compreso l’uomo, vive nella propria “bolla di sapone”, la propria realtà soggettiva: “Uno stesso oggetto sarà visto (o meglio percepito: certi animali ci vedono poco o a volte per nulla) in modo diverso da animali diversi,” per la diversa costituzione sia fisica che mentale. E proprio su questo ci illumina l’autrice.

Decifrate le sue intenzioni. Come un giocatore di poker alle prime armi, a ogni mossa il cane rivela le sue intenzioni – i suoi bluff, le carte che ha in mano; basta guardarlo. La faccia, la testa, il corpo e la coda sono tutti carichi di senso. Scodinzolare e abbaiare van ben oltre l’apparente significato; […] Un cane che abbaia agitando la coda non “sta per attaccare”, ma è curioso, attento, incerto…e interessato. Scodinzolare furiosamente a coda bassa sminuisce l’aggressività manifestata da un cane conosciuto che ringhia stringendo la palla. Data l’importanza del contatto visivo in tutti i canidi, e l’uso che i cani fanno dello sguardo, si possono ottenere molte informazioni dagli occhi di un cane sconosciuto. Un contatto visivo costante può essere minaccioso: non avvicinatevi a un cane fissandolo; potrebbe credere che vogliate intimorirlo. Se è lui a fissarvi, potete girare il suo sguardo girandovi appena, per spezzare il contatto. I cani si comportano nello stesso modo quando sono tesi: girano la testa di lato, o si distraggono con uno sbadiglio o un interesse improvviso per un odore che rintracciano a terra. Se pensate che un cane vi stia minacciando con lo sguardo, cercatene conferma in altri indizi: pelo ritto, orecchie drizzate, coda alta, corpo immobile. Uno sguardo fisso con la lingua che lecca l’aria è più un segno di adorazione che di aggressività.

Guarda la copertina del libro

Annunci

Puoi lasciare qui un commento, grazie

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...