Home
E. E. CUMMINGS, Poesie. Traduzione di M. de Rachewiltz.
Sto rileggendo i versi di Cummings. Mi piacciono ancora tanto, come quando in 1° liceo ho scoperto questo poeta.
Dalla raccolta “Tulips and Chimneys“. “rimira O
                                                       donna questo mio corpo.
                                                       ché
                                                       giacque
                                                       a braccia vuote
                                                       sui vertiginosi colli
                                                       per sognare di te,
                                                       approva questi
                                                       risoluti insaziati
                                                       occhi
                                                       che hanno contemplato
                                                       il muto carnevale notturno
                                                       il pingersi
                                                       del buio
                                                       con meteore
                                                       che scorrono da giocose
                                                       mani immortali
                                                       l’aprirsi
                                                       d’ariose stelle
                                                       (in tempi a venire
                                                       ricorderai di questa notte meravigliose
                                                       estasi    lentamente,
                                                       nel cuore
                                                       sazio veloci
                                                       ricordi
                                                       come fiori tremendi
                                                       si
                                                       leveranno, lentamente
                                                       torneranno sulle rosse
                                                                                       labbra prescelte
                                                       limpide visioni)

PLATONE, Simposio, titolo originale dell’opera: “Symposion“. Traduzione di Guido Calogero.
In questo testo del IV sec. a.C. l’autore esprime il suo pensiero sull’Atene del V secolo. Le riflessioni, che scaturiscono dal dialogo simposiale tra le personalità del tempo, protagoniste del racconto, sono davvero profonde. “[…] Quelli che sono fecondi fisicamente si avvalgono della procreazione dei figli per conseguire, secondo la loro intenzione, immortalità, ricordo e beatitudine per tutto il tempo avvenire, mentre colui che è fecondo spiritualmente (giacchè ci sono quelli che sono fecondi nell’anima ancor più che nel corpo), se mai incontri un’anima bella, generosa e bennata allora si affeziona profondamente a tale duplice bellezza, e con questa persona diviene subito eloquente a parlar di virtù, e del carattere e delle occupazioni, che debba avere l’uomo dabbene, cominciando così ad educarla. Infatti, penso, venendo a contatto con la bella persona e conversando con essa, procrea e genera quel che da tempo aveva concepito e alleva la creatura; in modo che, tali persone vengono ad avere l’una con l’altra una comunanza molto più forte di quella dei figli, e un’affezione più salda.[…]” Diotìma
Grazie Astel.

M. GAVIUS detto APICIUS, L’arte culinaria, titolo originale dell’opera: “De re coquinaria“.
“Torta di rose. Prendi le rose, sfogliale, togli l’unghia bianca dei petali, metti ( i petali) nel mortaio, innaffia con il garum e tritura. Poi aggiungi un ciato e mezzo di garum e cola il succo con il colino. Prendi quattro cervella, togli i nervi e pesta otto scrupoli di pepe, versa il succo e tritura. Poi rompi otto uova con un ciato e mezzo di vino, un ciato di passito e poco olio. Ungi una padella e sistema quest’ultima sulla brace calda e versaci il preparato sopra descritto. Quando sarà cotto sotto la campana (=in termospodio), condisci con pepe in polvere e servi.”

Guarda la copertina del libro

Annunci

2 thoughts on “Ottobre Simposio e altri…

  1. Ciao Marianna! Hai ragione, tradotta in Italiano non rende affatto.
    Penso che in lingua originale tu possa apprezzarla di più.
    E. E. CUMMINGS, Poesie, da "Tulips and Chimneys".
    "consider O
    woman this
    my body.
    for it has
     
    lain
    with empty arms
    upon the giddy hills
    to dream of you,
     
    approve these
    firm unsated
    eyes
    which have beheld
     
    night\’s speechless carnival
    the painting
    of the dark
    with meteors
     
    streaming from playful
    immortal hands
    the bursting
    of the wafted stars
     
    (in time to come you shall
    remember of this night amazing
    ecstaties    slowly,
    in the glutted
     
    heart fleet
    flowerterrible
    memories
    shall
     
    rise, slowly
    return upon the
                           red elected lips
     
    scaleless visions)

Puoi lasciare qui un commento, grazie

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...