Home
G. G. MARQUEZ, Memoria delle mie puttane tristi, titolo originale dell’opera: “Memoria de mis putas tristes“.
Questo libro racconta l’essenza degli uomini, nudi e crudi, con le loro “attitudini”, senza veli. “[…] L’anno dei miei novant’anni decisi di regalarmi una notte d’amore folle con un’adolescente vergine”. Scoprii “il piacere inverosimile di contemplare il corpo di una donna addormentata senza le urgenze del desiderio o gli intralci del pudore[…]”.
Annunci

Puoi lasciare qui un commento, grazie

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...